Lucy

Jamaica Kinkaid

Sbadamam! Che botta questo libro! 140 pagine apparse per la prima volta a puntate, sul New Yorker del settembre 1990.
A volte per (ri)costruirsi è necessario partire, cambiare, vivere luoghi diversi da quelli che ci hanno visto crescere.
È quello che fa Lucy Potter, la protagonista diciannovenne di questo romanzo solo in parte autobiografico.
Lucy lascia Antigua per approdare a Manhattan, dove lavora come ragazza alla pari in una famiglia benestante con quattro bambine bellissime e biondissime.
Da un’isola all’altra: da una parte il sole, il caldo e i colori saturi di un luogo visto dai turisti di tutto il mondo come eden per vacanze da sogno.
Dall’altra una borghesia dai colori e toni pacati: persone perbene, che non urlano, non maltrattano le donne, che mangiano composte. Fugge  da un sole perenne, Lucy.  Fugge da una madre che la vuole casta e infermiera. Fugge dal sopruso culturale della colonizzazione britannica.
Ciò che trova però non le provoca un innamoramento tout court perché Lucy è una tosta. Non la si compra con una carezza né con bei vestiti.
Lei osserva, valuta, rifiuta se necessario. In un anno di vita a Manhattan sperimenta e inizia – faticosamente – a costruirsi.
Così lo spazio fra sé e il mondo non è più assenza ma distanza necessaria per guardare, anzi vedere le cose con occhi nuovi.

In questo romanzo troverete:
Coraggio
Sfrontatezza
Scrittura acuta, ritmata, veloce
Narcisi (i fiori)
Rapporti familiari
Bambine bionde
Sesso
Fotografia salvifica
Un quaderno

Miss Elaine Cynthia Potter Richardson/Jamaica Kincaid, mi sei piaciuta molto. Alla prossima!

 

Jamaica Kinkaid
Lucy
Traduzione di Andrea Di Gregorio
Piccola biblioteca Adelphi,
2008

Jamaica Kinkaid
Lucy
Farrar Straus and Giroux, New York (1990)

condividi

Picture of Roberta Frugoni
Roberta Frugoni
Messaggio in bottiglia

Scrivimi

Ultimi articoli

ultime letture